Olga

Scritti da Olga Anastasi

«SMETTO QUANDO VOGLIO»

 

Ester Grossi, Giallo coprente. Acrilico su tela, 120x100 cm, 2019. Foto Giulia Mazza

Disse Avvocata Vostra a Pandette Contemporanee, cui urgeva il palpito d’arte di Eccellenti Pittori. L’ottantasettesima oggi, desiosa di giungere a 100. «Sono annoiata, ho annoiato? No. Dunque, che si fa? Niente: persevera». È che nel novero delle imprese insensate in cui in vita arrischiò, maggior senno vuole che ora si chieda più spesso «Cui prodest», a chi giova? O come Petrarca al giurista D’Ancona (Fam. IV, 15): «Sta’ contento ne’ tuoi confini, e non voler imitare coloro che tutto promettono, nulla conducono a termine e finiscono, tutto volendo trattare, col non capire più nulla. […] Ognuno si eserciti nell’arte che conosce». Il pensiero laterale, lì vado forte! Sei cappelli per pensare, sei colori diversi per cambiare stato: allora “Giallo coprente” è il quadro del giorno. Ci vediamo domani.

In foto Ester Grossi, Giallo coprente. Acrilico su tela, 120×100 cm, 2019. Foto Giulia Mazza. Per gentile concessione di www.eccellentipittori.it – Tutti i diritti riservati.

 #artandlaw #arteediritto #eccellentipittori #dirittovivente #artecontemporanea #contemporaryart #avvocatavostra #pandette #pandettecontemporanee #justiceandbeauty #bigpicture #giustiziaebellezza

SPAZIO ALL’INGEGNO DELL’AVVOCATO COLLABORATIVO: DAI CONFLITTI SEPARATIVI ALLE NUOVE FRONTIERE – Ascoli Piceno, 17 giugno 2019

cd171758-611a-4f67-bbb6-28b797b74982Prosegue il dialogo tra le associazioni di diritto collaborativo con un evento che siamo lieti di ospitare nelle Marche e nella nostra bella città: protagonisti l’Associazione Italiana dei Professionisti Collaborativi AIADC e l’Istituto Italiano di Diritto Collaborativo e Negoziazione Assistita IICL. Dalla Repubblica di San Marino gradita ospite l’Associazione Sammarinese di Diritto Collaborativo.

Il 17 giugno 2019, alle ore 15:00, ad Ascoli Piceno presso Bottega del Terzo Settore, Corso Trento e Trieste n. 18 #savethedate

L’ARTE COME TERAPIA

f8ad316b-57df-484c-b485-becbcf954478Dovremmo sforzarci di individuare il bene e il bello sotto strati di abitudine e di routine. Potremmo aver visto così spesso il nostro partner spingere un passeggino, litigare con la società di fornitura elettrica o tornare a casa distrutto dal lavoro da aver dimenticato il lato che, in lui o in lei, resta avventuroso, impetuoso, sfacciato, intelligente e, soprattutto, degno di amore” (A. De Bottom, J. Armstrong, L’arte come terapia. U. Guanda Editore, Parma 2013).

#artecometerapia #alaindebottom #johnarmstrong #justiceandbeauty #firenze #cupoladelbrunelleschi #artisnotdead #avvocatavostra #pandettecontemporanee

DECENNALE DI CAMERA MINORILE PICENA

IMG_9044Dieci anni di Camera Minorile Picena, tre conduzioni, un intento: dare voce, diritti e ascolto a chi, pur strillando, non ce l’ha.

In foto con gli avvocati Annagrazia Di Nicola e Francesca Viccei.

FINCHÈ VITA NON VI SEPARI

Simona Bramati, Della vita a cedere. Olio e matita su tela, 2013La natura composita del diritto all’assegno divorzile è il parametro con cui bilanciare i criteri a disposizione del giudice per riconoscerlo e determinarlo. Se il coniuge economicamente più debole non ha mezzi adeguati a condurre il medesimo alto tenore di vita goduto durante il matrimonio, se addirittura non ha mezzi, ormai prossima al compimento dei 60 anni d’età, di cui 23 di convivenza coniugale senza lavorare e senza fonti di reddito diverse, per Cassazione n. 4523-2019 si legittima la corresponsione dell’assegno che “discende direttamente dalla declinazione costituzionale del principio di solidarietà” post-matrimoniale, superando il recente orientamento del principio di autoresponsabilità.

In foto Simona Bramati, Della vita a cedere. Olio e matita su tela, 2013. Per gentile concessione di www.eccellentipittori.it – Tutti i diritti riservati.

Cass. civ. 4523-2019 #artandlaw #arteediritto #eccellentipittori #dirittovivente #artecontemporanea #contemporaryart #avvocatavostra #pandette #pandettecontemporanee #justiceandbeauty #bigpicture #giustiziaebellezza

 

IN AMORE VINCE CHI STA AL POSTO SUO

 

6E8FAD11-6B60-4822-A77D-ADE8452C47ADIn amore vince chi sta al posto suo. Chiaroscuro quanto basta per respirare senza opprimersi, il rosa-rosae di maggio, un convivio apparecchiato imperfetto, la frescura della vite ad agosto, a due passi annuso burrasca ai trabocchi del verde Adriatico. M’assido.

 

 

In foto Vico Bonelli, Corso Matteotti. Ortona 2017

MATERNITÀ SURROGATA O DEL BATTESIMO DELL’ALIENO

 

Marco Cingolani, Il battesimo dell'alieno. Tempera su tela, 2008È un bambino, non un alieno. Nato da donna che si è prestata alla gestazione. Voluto da due uomini in coppia, uno dei quali ha fecondato l’ovocito di altra, donatrice. Per Corte Suprema di Cassazione a Sezioni Unite n. 12193-8.5.2019: “non può essere trascritto nei registri dello stato civile italiano il provvedimento di un giudice straniero con cui è stato accertato il rapporto di filiazione tra un minore nato all’estero mediante il ricorso alla maternità surrogata e un soggetto che non abbia con lo stesso alcun rapporto biologico (c.d. genitore d’intenzione)” perché contrario all’ordine pubblico a tutela della dignità della gestante e delle regole sull’adozione. È un bambino, non un alieno, dunque è da tutelarsi il rapporto genitoriale già instaurato con l’adozione in casi particolari prevista dall’art. 44, co. 1^, lett. d), Legge 184/1983.

In foto Marco Cingolani, Il battesimo dell’alieno. Tempera su tela, 2008. Per gentile concessione di www.eccellentipittori.it – Tutti i diritti riservati.

 Comunicato_Stampa_Cass. SU n. 12193- 8.5.2019 #dirittominorile #artandlaw #arteediritto #eccellentipittori #dirittovivente #artecontemporanea #contemporaryart #avvocatavostra #pandette #pandettecontemporanee #justiceandbeauty #bigpicture #giustiziaebellezza

MARGHERITA VEDEVA ALTRE COSE

 

Letizia Fornasieri, Margherita vedeva altre cose. Olio su tavola, 2010Margherita voleva disporre dei suoi beni per testamento senza andare dal notaio: le spiegarono fosse necessario scriverlo di pugno, datarlo e firmarlo. Ma lei vedeva altre cose, non le righe del foglio e i ghirigori d’inchiostro cui il tremolio alla mano la costringeva. Così un caro amico l’aiutò, guidandola. Tuttavia, alla sua morte, il testamento olografo è invalidato, sebbene coincida con le ultime volontà di Margherita: la scrittura con mano guidata ne compromette l’autografia. Il principio è stato più volte affermato dalla giurisprudenza secondo cui l’intervento di persona diversa dal testatore che ne indirizzi il gesto è condotta “idonea ad alterare la personalità e l’abitualità del gesto scrittorio” (Cass. 6.3.17 n. 5505), due requisiti indispensabili affinché si possa parlare di autografia.

In foto Letizia Fornasieri, Margherita vedeva altre cose. Olio su tavola, 2010. Per gentile concessione di www.eccellentipittori.it – Tutti i diritti riservati.

 Cass. civ. 6.3.2017 n. 5505 #artandlaw #arteediritto #eccellentipittori #dirittovivente #artecontemporanea #contemporaryart #avvocatavostra #pandette #pandettecontemporanee #justiceandbeauty #bigpicture #giustiziaebellezza

L’OTTAVO GIORNO IL BAMBINO SARÀ CIRCONCISO (Lv 12:3)

El Gato Chimney, Ogni verità è ricurva, il tempo stesso è un circolo. Acquerello e tempera su carta cotone, 2017

Per islamismo ed ebraismo la circoncisione è pratica altamente simbolica: i musulmani la usano come rituale d’ingresso su maschi dai 3 ai 12 anni; per gli ebrei è patto di sangue con Dio. L’intervento cruento deve contemperare la tutela costituzionale a salute, integrità fisica, istruzione, educazione e libertà religiosa. Il 15.4.2019 l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza ha dunque scritto una nota al Ministro della Salute affinché si faccia informazione sull’importanza di eseguire la circoncisione in luoghi sicuri e con personale qualificato, ci sia un mediatore culturale negli ospedali dove si realizza, la prestazione sanitaria sia uniforme su tutto il territorio nazionale, il costo sia accessibile a tutte le fasce di reddito. Allego la Raccomandazione dell’Autorità Garante.

In foto El Gato Chimney, Ogni verità è ricurva, il tempo stesso è un circolo. Acquerello e tempera su carta cotone, 2017. Per gentile concessione di www.eccellentipittori.it – Tutti i diritti riservati.

Comunicato Garante Infanzia su circoncisione – segnalaz-ministro-salute #dirittominorile #artandlaw #arteediritto #eccellentipittori #dirittovivente #artecontemporanea #contemporaryart #avvocatavostra #pandette #pandettecontemporanee #justiceandbeauty #bigpicture #giustiziaebellezza

 

LE RAGIONI DELLA MAGISTRATURA ONORARIA – ASTENSIONE DAL 6 AL 17 MAGGIO 2019

 
IMG_8816Tutte le associazioni della magistratura onoraria (AngdP; Anmo; CGdP; Cogita; Federmot; Mou, Unagipa, Unimo ed altre)hanno dichiarato di astenersi dalle attività d’udienza e d’ufficio per un periodo che va dal 06 al 17 maggio (per i magistrati onorari in servizio quali Giudici di Pace) e dal 13 al 17 maggio (peri magistrati onorari in servizio quali Giudici Onorari di Tribunale e Vice Procuratori Onorari). Il Governo Orlando varò una riforma che penalizzava 5000 famiglie di magistrati onorari condannandole a vivere con 700,00 Euro al mese (al lordo della previdenza a loro carico). Questa riforma condanna altresì senza appello il sistema giustiziain quanto non consente a questi magistrati di lavorare a tempo pieno (con retribuzione ‘piena’) e prevede immotivati limiti all’impiego dei Giudici Onorari di Tribunali, con gravissime ricadute sulfunzionamento degli uffici (si pensi che in alcuni uffici i magistrati onorari celebrano anche quattro udienze a settimana). 
 
Questa scelta ha delineato con chiarezza la distorta visione del lavoro e della funzione giurisdizionale con la responabilità del disfacimento di uno dei servizi essenziali per i cittadini, quello della Giustizia e della compromissione di una seria politica del lavoro e dei diritti minimi dei lavoratori. Le proposte di correttivi prospettate nel tavolo tecnico del 07 marzo 2019, pur non configurando un superamento della sciagurata riforma Orlando, costituiscono, comunque, un primo timido passo in tal senso. E’ necessario, pertanto, che questo governo dia una risposta a tanti magistrati onorari, intervenendo immediatamente con dei correttivi per frenarequesta irresponsabile riforma, per poi definitivamente superarla.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi