Olga

MATERNITÀ SURROGATA O DEL BATTESIMO DELL’ALIENO

 

Marco Cingolani, Il battesimo dell'alieno. Tempera su tela, 2008È un bambino, non un alieno. Nato da donna che si è prestata alla gestazione. Voluto da due uomini in coppia, uno dei quali ha fecondato l’ovocito di altra, donatrice. Per Corte Suprema di Cassazione a Sezioni Unite n. 12193-8.5.2019: “non può essere trascritto nei registri dello stato civile italiano il provvedimento di un giudice straniero con cui è stato accertato il rapporto di filiazione tra un minore nato all’estero mediante il ricorso alla maternità surrogata e un soggetto che non abbia con lo stesso alcun rapporto biologico (c.d. genitore d’intenzione)” perché contrario all’ordine pubblico a tutela della dignità della gestante e delle regole sull’adozione. È un bambino, non un alieno, dunque è da tutelarsi il rapporto genitoriale già instaurato con l’adozione in casi particolari prevista dall’art. 44, co. 1^, lett. d), Legge 184/1983.

In foto Marco Cingolani, Il battesimo dell’alieno. Tempera su tela, 2008. Per gentile concessione di www.eccellentipittori.it – Tutti i diritti riservati.

 Comunicato_Stampa_Cass. SU n. 12193- 8.5.2019 #dirittominorile #artandlaw #arteediritto #eccellentipittori #dirittovivente #artecontemporanea #contemporaryart #avvocatavostra #pandette #pandettecontemporanee #justiceandbeauty #bigpicture #giustiziaebellezza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi