Olga

La mia storia

Sono nata ad Ascoli Piceno da famiglia di antica tradizione cittadina. La mia bisnonna paterna era Maria Meletti, sorella di Silvio, inventore della nota anisetta; mio nonno Elio Anastasi fu allievo a bottega del maestro Fra’ Paolo Augusto Mussini e insieme a lui, nei primi anni del Novecento, affrescò la locale chiesa di San Serafino di Montegranaro. Ho due figli, Federico e Bianca, entrambi liceali.

Sono avvocato negoziatore, da oltre venticinque anni attiva in separazioni, divorzi, tutela delle persone e delle relazioni familiari. Sono trainer di Diritto Collaborativo, abilitata secondo gli standard dell’International Academy of Collaborative Professionals, mediatore civile. Di recente ho spostato la mia attività a Roma, mentre ad Ascoli continuo a essere impegnata come vice procuratore onorario presso la procura della Repubblica.

Ho conseguito la laurea in giurisprudenza a Macerata, la specializzazione in diritto familiare presso l’Università di Rimini, mi sono abilitata come curatore speciale del minore con l’Ufficio del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Marche.

Ho conseguito la formazione di primo e secondo livello in Pratica Collaborativa.
Sono da sempre interessata alle problematiche legate alla donna, alle relazioni familiari, ai minori, e ho maturato la consapevolezza della necessità di sviluppare, in questo ambito, sistemi di risoluzione delle controversie alternativi. Sono stata consulente nei centri antiviolenza e sono tutore, curatore e amministratore di sostegno presso i tribunali ordinari e per i minorenni.

Sono socia fondatore della Camera Minorile Picena, ne sono stata presidente per due mandati consecutivi. Sono stata membro del consiglio direttivo dell’Unione Nazionale delle Camere Minorili, ne ho presieduto la commissione per la redazione del Codice etico; da referente del settore scuola ho promosso il format “Educazione e legalità tra mente e cuore” con incontri con gli studenti di istituti di istruzione primaria e secondaria per favorire le buone prassi in materia di cittadinanza, tematiche giuridiche e psicosociali di giustizia minorile. Ho fondato l’associazione Gruppo Italiano di Pratica Collaborativa di cui sono stata presidente per un triennio. Attualmente sono ancora in direttivo con l’incarico di vicepresidente.

Ho collaborato con case editrici di testi giuridici per l’infanzia ottenendo dalla Sinnos Editrice l’inserimento nella collana Nomos di “Elio, Sofia e il diritto di famiglia spiegato ai bambini”. Ho portato nelle scuole le mie filastrocche giuridiche con i personaggi fantastici Armillea e Fantaspurione, animati dall’interpretazione dell’attore Riccardo Mei.
Dall’incontro con l’avvocato e mediatore Ronald D. Ousky, quando mi sono formata al diritto Collaborativo, è nata la convinzione dell’efficacia straordinaria di questo metodo nella risoluzione delle controversie. Ho tradotto il libro “The Collaborative Way to Divorce, the Revolutionary Method That Results in Less Stress, Lower Costs and Happier Kids -Without Going to Court” che nel 2006 Ron aveva scritto con l’ideatore del metodo Stuart G. Webb. Nel 2013 ho pubblicato “Il Divorzio Collaborativo”, l’anno successivo l’edizione aggiornata all’entrata in vigore del decreto legge 12 settembre 2014 n. 132, convertito in legge 10 novembre 2014 n. 162, che ha introdotto in Italia la procedura di negoziazione assistita da avvocati. Nel mio “Il Divorzio Collaborativo, l’arte di separarsi con amore” – traendo spunto da “Me too”, l’opera che l’artista Giuseppe Stampone mi ha dedicato come copertina del libro, mi sono spinta a cercare analogie tra arte e diritto, tra processo Collaborativo ed estetica delle relazioni.

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi